Indietro
LogoNeg
Castel Belfort Spormaggiore

I ruderi di Castel Belfort sovrastano da settecento anni il territorio della Valle dello Sporeggio, una valle tra l’Altopiano della Paganella e la Valle di Non, abitata dai paesi di Spormaggiore, Sporminore e Cavedago. Castel Belfort si trova nel Comune di Spormaggiore e l’appellativo di Belfort - bello e forte - è significativo del ruolo che avrebbe dovuto avere nei secoli passati. Il nome Belfort subentrò a “Castrum Spori Maioris” nel corso del XV secolo, quando esso rappresentava un nome alla moda nella cultura cortese. Pare che il castello sia passato nelle mani di ben nove famiglie nobili: l’ultima fu la famiglia Saracini di Trento che lo ricostruì, ma poi lo abbandonò verso la fine del Settecento, non senza prima scoperchiarlo per sottrarsi alle onerose imposte commisurate sull’estensione del tetto. La parte più antica è la torre che venne costruita nel 1311 come torre di controllo della strada che dalla Valle dell’Adige, attraverso Fai della Paganella, scendeva da una parte a Spormaggiore e dall’altra si congiungeva con la Via Imperiale che collegava la Valle di Non con le Giudicarie, passando per la sella di Andalo. Il corpo principale del castello è il caseggiato a pianta rettangolare che fu ricostruito dalla famiglia Saracini nel settecento con il bel portale d’ingresso a conci bugnati e lo stemma Saracini a tre teste leonine. Nel 1996 il Castello è stato venduto al Comune di Spormaggiore che negli ultimi anni lo ha messo in sicurezza e lo ha reso accessibile al pubblico, grazie alla sistemazione di una scala panoramica in corrispondenza della torre. Qui, oggi è possibile ammirare un bel panorama sulla Valle dello Sporeggio, oltre a poter visitare l’interno della torre e godere di una suggestiva prospettiva interna del mastio medievale di Belfort.

Data e orario: Sabato 8 e domenica 9 giugno
ore 15.00-17.00
Luogo di ritrovo: Entrata del Castel Belfort, in prossimità dei pannelli informativi.
Cosa puoi visitare: La visita verterà sul racconto della storia del maniero dalle origini fino all’acquisto da parte del Comune di Spormaggiore: analizzeremo la sua struttura architettonica e la particolare posizione panoramica, nonché i racconti delle leggende che da anni fanno da cornice alla suggestiva storia del castello. La prima parte della visita sarà all’ingresso per ammirare il maniero in tutta la sua imponenza, una seconda parte in prossimità del portone d’ingresso, pregevolmente decorato, per proseguire attraverso i ruderi del maniero e nella torre dalla quale si potrà ammirare il paesaggio sulla valle dello Sporeggio e la Valle di Non.
Contatti: Comune di Spormaggiore
0461-653555
Info e prenotazioni:

Si prevedono due visite guidate di circa un'ora, alle 15 e alle 16